PortadaGruposSe habla deMásVisión actual
Buscar En Este Sitio
Este sitio utiliza cookies para ofrecer nuestros servicios, mejorar el rendimiento, para análisis y (si no está registrado) para publicidad. Al usar LibraryThing reconoces que has leído y comprendido nuestros Términos de Servicio y Política de Privacidad. Su uso del sitio y de los servicios está sujeto a estas políticas y términos.
Hide this

Resultados de Google Books

Pulse en una miniatura para ir a Google Books.

Essentialism: The Disciplined Pursuit of…
Cargando...

Essentialism: The Disciplined Pursuit of Less (edición 2020)

por Greg McKeown (Autor)

MiembrosReseñasPopularidadValoración promediaMenciones
1,3183610,660 (3.73)5
Discusses a systematic discipline for discerning what is absolutely essential, then eliminating everything that is not, so you can make the highest possible contribution towards the things that really matter.
Miembro:rpeckham
Título:Essentialism: The Disciplined Pursuit of Less
Autores:Greg McKeown (Autor)
Info:Crown (2020), 288 pages
Colecciones:Tu biblioteca
Valoración:
Etiquetas:management

Detalles de la obra

Essentialism: The Disciplined Pursuit of Less por Greg Mckeown

Cargando...

Inscríbete en LibraryThing para averiguar si este libro te gustará.

No hay Conversaciones actualmente sobre este libro.

» Ver también 5 menciones

Se você se sente sobrecarregado e ao mesmo tempo subutilizado, ocupado mas pouco produtivo, e se o seu tempo parece servir apenas aos interesses dos outros, você precisa conhecer o essencialismo.

O essencialismo é mais do que uma estratégia de gestão de tempo ou uma técnica de produtividade. Trata-se de um método para identificar o que é vital e eliminar todo o resto, para que possamos dar a maior contribuição possível àquilo que realmente importa.

Quando tentamos fazer tudo e ter tudo, realizamos concessões que nos afastam da nossa meta. Se não decidimos onde devemos concentrar nosso tempo e nossa energia, outras pessoas – chefes, colegas, clientes e até a família – decidem por nós, e logo perdemos de vista tudo o que é significativo.

Neste livro, Greg McKeown mostra que, para equilibrar trabalho e vida pessoal, não basta recusar solicitações aleatoriamente: é preciso eliminar o que não é essencial e se livrar de desperdícios de tempo. Devemos aprender a reduzir, simplificar e manter o foco em nossos objetivos.

Quando realizamos tarefas que não aproveitam nossos talentos e assumimos compromissos só para agradar aos outros, abrimos mão do nosso poder de escolha. O essencialista toma as próprias decisões – e só entra em ação se puder fazer a diferença.

"Greg McKeown nos lembra que a clareza de foco e a capacidade de dizer 'não' são aspectos desvalorizados porém fundamentais para os negócios nos dias de hoje." – Jeff Weiner, presidente-executivo do LinkedIn
  JefersonMello | Jun 1, 2021 |
Aveva 14 figli. C’era stata una pandemia. Aveva un fastidioso disturbo allo stomaco. Stava prendendo lezioni di filosofia. Lui era l’imperatore di Roma. Il suo dominio si estendeva per circa 2,2 milioni di miglia quadrate e comprendeva oltre 120 milioni di persone per le quali era sia responsabile che incaricato di governare. Come fece a gestire il tutto? Come fece senza perdere la testa? Sappiamo che una domanda ha giocato un ruolo enorme nel suo comportamento. Riguarda l’essenzialità. “La maggior parte di ciò che diciamo e facciamo non è essenziale”, scrisse Marco Aurelio nelle sue famose “Meditazioni”. “Se riesci a eliminare ciò che non è essenziale avrai più tempo e più tranquillità. Chiediti in ogni momento: ‘È necessario?”

Quanto o quanto poco lavori, dove vivi, come sono il tuo matrimonio o le tue relazioni, le tue idee politiche, come spendi i tuoi soldi, quali sono i tuoi obiettivi, il modo in cui è organizzata la tua vita, le cose che occupano spazio nel tuo cassetto della spazzatura, in una parola i pensieri che ti passano per la testa. Chiediti su tutto ciò che fai, dici e pensi: “È necessario? È essenziale?” “Deve essere così?” “Perché lo sto facendo?” “Cosa succederebbe se cambiassi?”. Ci chiediamo di continuo perché non facciamo del nostro meglio. Ci chiediamo perché non siamo felici. Ci chiediamo perché le cose sono difficili. È perché stiamo facendo troppo, o stiamo facendo le cose sbagliate, anche nel modo sbagliato?

Guardate l’intelligente e sintetico disegno della copertina del libro che ha scritto Greg McKeown su quell’arte o disciplina chiamata essenzialismo impiegata per acquisire non il di più, ma il meno: essentialismo. A sinistra della immagine il caos, la confusione, la spazzatura. A destra, nel cerchio, l’essenziale. Una parola che, guarda caso, rivela la sua … essenzialità.

Vogliamo arrivare in un luogo in cui la nostra vita possa essere definita da essa, un luogo dove possiamo fare solo ciò che deve essere fatto, nel modo migliore. Bisognerà sentirsi a proprio agio nel dire “No”. Significherà tagliare il grasso inutile dalla vita, forse anche ferire alcuni sentimenti. Ma va bene. Presto ci si renderà conto che quando diciamo di no a qualcosa, stiamo dicendo di sì a qualcos’altro.

Viceversa, quando pensiamo di dire di sì a una cosa, dobbiamo capire tutte le cose a cui stiamo dicendo di no. Quindi potremo far arrabbiare alcune persone dicendo di no, ma renderemo anche le altre persone molto più felici. Importante è conoscere come funziona la “sintesi essenzialista”. Quando non distinguiamo tra ciò che è e ciò che non è essenziale, come si decide a cosa dire si e a cosa dire di no? Di solito, per impostazione predefinita, filtriamo le opportunità in base a ciò che è più redditizio o più impressionante. Ricordiamoci di quello che disse Seneca:

“Ci viene detto che la vita è breve e l’arte è lunga … Non è che abbiamo poco tempo da vivere, ma che ne sprechiamo molto. La vita è abbastanza lunga e ce ne è stata data una quantità sufficientemente generosa per il risultato migliore soltanto se il tempo fosse tutto ben investito.Quando è sprecato nel lusso incurante e speso in nessuna buona attività, siamo poi costretti dall’ultima costrizione della morte a renderci conto che è passato prima che sapessimo che stava passando. Così è: non ci viene data una vita breve, ma la rendiamo breve. Non siamo mal forniti, ma ne sprechiamo. Proprio come quando una ricchezza ampia e principesca cade su un cattivo proprietario, viene sperperata in un attimo, ma ricchezza comunque modesta, se affidata a un buon custode, aumenta con l’uso, quindi la nostra vita si allunga ampiamente se gestita adeguatamente “.

Una cosa in cui la pandemia ci ha aiutato è che ci ha mostrato, nella maggior parte dei casi senza il nostro consenso, cosa significa fare di meno. Meno voli. Meno cene fuori. Meno incontri. Meno reddito. Meno commissioni. Si potrebbe sostenere che COVID-19 è stato il più grande esperimento di stile di vita forzato nella storia. Ha infranto così tante delle nostre supposizioni su ciò che è e non è essenziale.

Ma questa cosa non può essere fatta da remoto, a distanza? Certo che sì. Oh, non potrei vivere senza i miei bambini. Bene, ora devi tenerteli tu a casa ed accudirli ed educarli. Oh, non avrò mai tempo per fare quello voglio. OK, eccolo qui. Hai tutto il tempo che vuoi, sei in isolamento. Abbiamo dovuto pagare con meno.

Abbiamo dovuto reinventare il modo in cui venivano fatte le cose. Abbiamo dovuto riorganizzare tutto. Alcune parti di questo comportamento sono state difficili da sopportare. Alcune imposizioni ci hanno reso tristi e soli. Ma altre parti sono state decisamente liberatorie. Questo è il problema di “less”, “meno”, per questa ragione chiediamo a Marco Aurelio la versione della domanda: è necessario?
Perché per quanto siano stati duri gli ultimi mesi di un isolamento che continua, significa anche che abbiamo la possibilità di continuare a pensare a noi stessi, a guardare altri tramonti dalla veranda sul retro di casa, altre cene in tranquillità, altre scritture più mirate, su argomenti più importanti, nuovi contatti a distanza che dovranno essere confermati di persona, più apprezzamento per le persone e le cose che contano veramente.

“Fare l’essenziale”, ha detto Marco, “porta una doppia soddisfazione: fare di meno, meglio”. Quindi prendiamoci un minuto oggi e facciamoci la domanda di Marco. È necessario? È essenziale? Ho davvero bisogno di farlo? E se avessi detto di no? E se avessi rinunciato? Cosa succederebbe?

Troveremo la risposta. In molti casi, è no, non è essenziale. Non è importante, né necessario. E dicendo di no, non stiamo “sottraendoci” alle nostre responsabilità. Al contrario, siamo più in forma, meglio in grado di adempiere effettivamente ai nostri doveri importanti: verso la famiglia, il lavoro, noi stessi e anche verso gli altri. E questo è il vero doppio vantaggio. ( )
  AntonioGallo | May 6, 2021 |
Interesting. I'm not attempting to downplay what's said in this book, but I think "Essentialism" is just Japanese "Minimalism" applied also to human activity and business practices instead of just possessions. That being said, I wish more company executives practiced what McKeown preaches, especially in terms of clarity of purpose for teams in both goals and performance evaluation. This should be required reading for all managers.
I agree with other reviewers that the book was overly long and repetitive considering its message is Essentialism. ( )
  SGTCat | Feb 25, 2021 |
I like the ideas put forward in the book. Unfortunately, like so many self-help books, the advice of Essentialism feels classist. Almost all of the examples are geared towards people that are in high paying business careers. It’s a bit harder to imagine applying the suggestions to minimum wage work. Whether or not it can be applied regardless of position, working class, or education level doesn’t seem to have been a high priority for the author. The book certainly makes you want to look at your life and priorities differently. Maybe the advice can work for everyone if they truly commit to it. Still I would have like it a bit better if the book felt inclusive of more socioeconomic backgrounds. ( )
  SMagill723 | Jan 7, 2021 |
Surprised at the high average rating. It's wordy, waffly and repetitive. Lots of anecdotes and stories from what could only be described as first world uber-privileged problem department. Some good but old ideas regurgitated and repackaged. ( )
1 vota JuliaMay | Dec 10, 2020 |
Mostrando 1-5 de 36 (siguiente | mostrar todos)
sin reseñas | añadir una reseña
Debes iniciar sesión para editar los datos de Conocimiento Común.
Para más ayuda, consulta la página de ayuda de Conocimiento Común.
Título canónico
Título original
Títulos alternativos
Fecha de publicación original
Personas/Personajes
Lugares importantes
Eventos importantes
Películas relacionadas
Premios y honores
Información del Conocimiento común ruso. Edita para encontrar en tu idioma.
Epígrafe
Dedicatoria
Primeras palabras
Citas
Últimas palabras
Aviso de desambigüedad
Editores
Blurbistas
Idioma original
DDC/MDS Canónico

Referencias a esta obra en fuentes externas.

Wikipedia en inglés (2)

Discusses a systematic discipline for discerning what is absolutely essential, then eliminating everything that is not, so you can make the highest possible contribution towards the things that really matter.

No se han encontrado descripciones de biblioteca.

Descripción del libro
Resumen Haiku

Enlaces rápidos

Cubiertas populares

Valoración

Promedio: (3.73)
0.5
1 7
1.5
2 18
2.5 3
3 54
3.5 9
4 75
4.5 3
5 58

¿Este eres tú?

Conviértete en un Autor de LibraryThing.

 

Acerca de | Contactar | LibraryThing.com | Privacidad/Condiciones | Ayuda/Preguntas frecuentes | Blog | Tienda | APIs | TinyCat | Bibliotecas de Figuras Notables | Primeros Reseñadores | Conocimiento Común | 158,881,192 libros! | Barra superior: Siempre visible